Pasta cacio e pepe con carciofi alla giudia.

 

Pasta cacio e pepe con carciofi

La pasta cacio e pepe con carciofi è una variante che prevede l'aggiunta dei carciofi alla versione originale. In generale è bene presentare le foglie a pezzetti di carciofo a parte, come fanno in alcuni ristoranti. Questo perché l'aggiunta di olio, necessario per la loro frittura, cambia il sapore rispetto alla ricetta originale.

Piatto Main Course
Cucina Romana
Preparazione 10 minuti
Cottura 10 minuti
Tempo totale 20 minuti
Porzioni 4 persone
Calorie x 100 gr. 450 kcal
Chef Vincenzo Serino

Ingredienti

  • 300 grammi pasta spagnetti, ma anche bucatini o pasta rigata
  • 200 grammi pecorino romano
  • q.b. sale
  • q.b. olio
  • q.b. pepe o meglio miscela di pepi

Istruzioni

  1. Anzitutto pulite i carciofi come consiglio nell'articolo. Potete trascurare il gambo, visto che vi servono solo le foglie. Staccate la corona di foglie dal gambo, non troppo in basso perché la parte inferiore è sempre dura.

  2. Fate a pezzetti non troppo piccoli le foglie e mettetele da parte.

    Foglie di carciofo violetto a pezzi
  3. Mettete l'acqua sul fuoco e fatela bollire. Quando bolle mettete gli spaghetti dentro.

    Acqua della pasta che bolle
  4. In una padella, mettete un dito di olio di semi di arachide. Portatelo a 150 gradi (se la temperatura è inferiore le foglie non friggono, ma si impregnano di olio ed il piatto si rovina), magari aiutandovi con un termometro da cottura. Poi, a fuoco vivo, metteteci i pezzetti di foglia. 

    Pezzi di foglia di carciofo violetto in frittura
  5. Tirate fuori i pezzi di foglia di carciofo e metteteli da parte ad asciugare su un tovagliolo.

    Pezzi di foglia di carciofo violetto fritte
  6. Passati 5 minuti, mettete la metà del pecorino romano a disposizione in una scodella con un poco di pepe.

    Poi aggiungete un po' di acqua di cottura al pecorino e mescolate bene magari con l'aiuto di un miscelatore. Se pensate che la crema sia troppo fluida aggiungete pecorino, se pensate sia troppo densa, aggiungete acqua di cottura bollente.

    Crema di pecorino romano e pepe
  7. Alla fine della cottura (2 minuti meno dei minuti indicati sulla busta se volete la pasta al dente), scolate la pasta.

  8. Mettete la pasta in una pastiera sufficientemente capiente. e versateci sopra la crema di pecorino.

    Mescolate energicamente e servite a tavola con le foglie di carciofo fritto a parte.

  9. Gli invitati le aggiungeranno a piacere loro.

    Pasta cacio e pepe con carciofi alla giudia

Vincenzo Serino

Vincenzo Serino Laugher0111@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *