Il pacchero napoletano nelle ricette romane

Il pacchero napoletano è un tipo di pasta che, nato in Campania, per le sue caratteristiche è entrato di prepotenza nelle ricette romane che, per tradizione usa molto i sughi. Definito anche schiaffone, è un formato cilindrico, molto grande. La cosa più importante è però la loro porosità che gli consente di assorbire perfettamente i condimenti e gli ingredienti morbidi. Fondamentale in questo contesto è la trafilatura in bronzo che consente un miglior connubio tra il sugo e la pasta.

I paccheri nelle ricette romane

Quindi spostando l’ottica sulle ricette romane, che sono l’argomento del blog, per esempio la ricotta romana è l’ideale con la sua freschezza. Ma è possibile usare anche la besciamella per esempio, quindi burro farina e latte. Quindi si può tranquillamente usare per la pasta alla pecorara ed oltre che cucinarli in pentola, possiamo anche sperimentare i paccheri ripieni al forno. Altri ripieni che possono andare benissimo sono le patate, il tonno ed il pesce in generale ridotti a purea. Tenete sempre presente però che meno acqua contengono meno bisogna usarne; un pacchero interamente ripieno di pecorino per esempio risulterebbe stucchevole al palato, uno pieno di ricotta romana, risulterebbe assai meglio se viene integrata da qualcosa di saporito e croccante per contrastare il morbido come il guanciale come succede nella pecorara e da spezie come il pepe, il peperoncino, l’origano e via dicendo. Vanno anche bene i ripieni di pesce, di carne o di pane per esempio, opportunamente sminuzzati e più gustosi se adeguatamente aromatizzati.

Paccheri
Paccheri

Poiché sono molto porosi possiamo inoltre usare i paccheri, senza riempirli, per tutti diversi sughi incredibili che ci offre la cucina romana. Quindi sono fantastici per la pasta alla carbonara o per il sugo di pomodoro dell’amatriciana. Ma si possono anche condire con il sugo dell’arrosto. Io li ho trovati anche fritti riempiti con ricotta e canditi come i cannoli.

Il tempo di cottura del pacchero, in genere è almeno di 14 minuti ma dipende dallo spessore della pasta. Voi comunque dovete assaggiarla spesso per capire quando è cotta.

Altro formato di pasta sono i mezzi paccheri. La dimensione è uguale per la lunghezza ma dimezzata per la larghezza.

Lascia un commento

Su questo sito usiamo tools che conservano cookie sul vostro supporto per permetterne una miglior fruzione da parte vostra. Avete comunque il diritto di disabilitare questa funzione