Maritozzo con la panna

Il maritozzo con la panna è una ricetta romana tra le più golose in assoluto. La panna, l’uovo, lo zucchero, tutto contribuisce a fare di questa ricetta l’ideale accompagnamento del cappuccino ogni mattina.

  • 375 grammi farina forte Manitoba
  • 100 grammi di burro
  • mezzo litro di panna fresca liquida
  • 55 grammi di zucchero
  • 3 uova intere, 2 per l’impasto un tuorlo per il rivestimento.
  • 10 grammi di miele d’acacia
  • 10 grammi lievito di birra fresco
  • 1 cucchiaino di rum
  • una boccetta di aroma di vaniglia
  • q.b. sale
  • q.b. di scorza di limone
  1. La ricetta è stata preparata completamente a mano, senza quindi l’uso dell’impastatrice, che faciliterebbe il lavoro non di poco. E’ molto più difficile perché un’impastatrice consente di mescolare gli ingredienti in modo uniforme. Sono state seguite le istruzioni di Luca Montersino.
  2. La prima cosa che dovete fare è tirare fuori il burro dal frigo almeno mezzora prima. Bisogna che sia morbido e malleabile.

  3. Grattugiare il limone su un foglio di carta forno. Con l’avvertenza di passare un coltello in modo trasversale per prendere quello rimasto sulla grattugia.

  4. La prima cosa che vi conviene fare è riscaldare un poco il latte e scioglierci dentro il lievito di birra.
  5. Mescolate assieme perchè non liquidi: la farina, lo zucchero, l’aroma di vaniglia (è liquido ma è molto poco quindi non crea problemi), la scorza di limone,

  6. Adesso aggiungete poco alla volta il latte in cui avete sciolto il lievito di birra.
  7. Ed ora, sempre poco per volta, le uova ed il miele. Bisogna dare tempo all’impasto di assorbire i liquidi.

  8. Alla fine dovreste avere una palla di pasta non molto morbida ma molto liscia.

  9. Adesso incorporate, sempre poco alla volta, il burro.

  10. Infine mescolate la pasta aromatizzata precedentemente preparata.
  11. Poi mettete la past a riposare per 3 ore in frigo, con l’avvertenza di coprirla con un foglio di plastica da cucina, o si asciuga troppo. Deve più che raddoppiare di volume.

  12. Nel frattempo montate la panna, aiutandovi con un miscelatore che a mano è durissima.
  13. Formate dei panetti, tenendo presente che nel forno più che raddoppiano, quindi non fateli troppo grossi. In generale devono avere forma a punta, ma se li fate piccoli come i miei, anche circolare.
  14. Poi metteteli su una teglia ricoperta di carta forno, dove avrete avuto l’accortezza di mettere un minimo di farina. Altrimenti i panetti dopo la cottura si attaccheranno alla carta.
  15. Mescolate un terzo tuorlo con un’eguale quantità di latte e spennellate i panetti per far formare la classica crosticina gialla esterna. Se mettete solo latte la crosta esterna viene più scura.

  16. Poi, sul fondo del forno, mettete un recipiente con dei cubetti di ghiaccio. Questo accorgimento servirà a dare umidità all’impasto ed a farlo diventare morbido come deve essere un maritozzo e non biscottare.

  17. Infine accendete il forno: 15 minuti a 180 gradi, con grill sopra e sotto e mettendo la leccarda nella slitta centrale per dare cottura uniforme.

  18. Ora non vi resta che aprire i maritozzi, dotarvi di un sac a poche e mettere la panna montata nel taglio che avete creato.

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi