Vai al contenuto

Taccole al pomodoro

Le taccole al pomodoro sono una ricetta in cui i fagioli corallo sono abbinati al pomodoro. Ma si possono tranquillamente proporre abbinati al chutney agrodolce che abbia per protagonista queste stesse verdure.

Chiamarli con il nome di taccole è un errore ma molti così li conoscono. Mentre i piselli di formato più piccolo diventano taccoline. In ogni caso sono un legume che si trova molto sulle tavole dei romani e che è mangiato in molteplici modi e che il banco del supermercato propone spesso già pulito.

Per la preparazione del pomodoro, che va come sempre cotto almeno una ventina di minuti a fuoco basso per liberare le sostanze nutritive, il trucco per limitarne l’acidità è sempre lo stesso: un pizzico di bicarbonato. Al posto del pomodoro si può, a mio parere, usare un chutney all’arancia per esempio con l’acido che contrasta il dolce.

Ottimo contorno per pietanze a base di carne o pesce dal sapore delicato (per esempio pesce bianco).

Andiamo a preparare che ho fame.

Taccole al pomodoro

Una semplice ricetta con i fagioli corallo ed il sugo di pomodoro. Anche questa piccante come si addice alle ricette romane. La menta si aggiunge per dare un poco di freschezza.

Piatto Contorno
Cucina Romana
Preparazione 5 minuti
Cottura 20 minuti
Porzioni 4 persone
Calorie 220 kcal

Ingredienti

  • 300 grammi di fagioli corallo o taccole o piattoni
  • 300 grammi pomodori
  • q.b. sale
  • q.b. peperoncino piccante
  • 1 cipolla bianca
  • q.b. olio extravergine d'oliva

Istruzioni

  1. Mettiamo un poco d'acqua a bollire in un pentolino.

    Acquia nel pentolino che bolle
  2. Mentre aspettiamo che l'acqua bolle, puliamo le taccole. Con un coltello teniamo una delle estremità e la tiriamo per il senso della lunghezza della taccola. Così tiriamo via il filamento legnoso ed i legumi diventeranno tenerissimi.

    Fagioli corallo
  3. Poi prepariamo i pomodori. Useremo quelli tipici romani, i ramati; grossi e succosi, sono l'ideale per questa preparazione. Riempiamo un pentolino d'acqua e facciamola bollire. Quando bolle mettiamoci i pomodori interi per qualche secondo. Dopo qualche secondo, con l'aiuto di una schiumarola, li tiriamo fuori e li spelliamo con facilità.

    Pomodoro nel pentolino
  4. Poi li apriamo a metà e ci togliamo i semi. La polpa la facciamo grossolanamente a pezzi.

    Pomodoro spellato
  5. In una padella mettiamo, la polpa a pezzi, la passata di pomodoro con la sua acqua, magari un mestolo dell'acqua che è servita a spellare il pomodoro e le taccole. Accendiamo il fuoco sotto medio.

    Pomodoro in padella
  6. Mentre il fuoco va (ma mi raccomando di non perderlo di vista, se si seccasse troppo aggiungete un poco d'acqua bollente dal pentolino), pensiamo alla cipolla. Togliamo la buccia esterna, la dividiamo a metà e poi la facciamo a fettine sottili. Poi in una padella o in un pentolino a parte, mettiamo un filo di olio extravergine, accediamo un fuoco basso sotto e ci mettiamo le fettine di cipolla. Per non piangere troppo vi consiglio di lavorarle sotto un filo d'acqua come nella figura a fianco.

    Cipolla sotto l'acqua
  7. Saranno pronte quando saranno diventate trasparenti. Fate attenzione che è un attimo che si bruciano.

    Dopo una ventina di minuti i fagiolini, ed il pomodoro saranno pronti insieme. Aggiungiamo la cipolla, spolveriamo di peperoncino e serviamo a tavola.

    Cipolle in casseruola

Articoli correlati

Alcuni articoli collegati alla ricetta. Se li volete tutti usate la barra di ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Valutazione ricetta




Su questo sito usiamo tools che conservano cookie sul vostro supporto per permetterne una miglior fruzione da parte vostra. Avete comunque il diritto di disabilitare questa funzione. Informativa sui cookie e la privacy: https://www.ricetteromane.it/privacy-policy-2/